ARCHEOLOGIA

FINALMENTE IDENTIFICATO IL SITO DI ALBA LONGA – Rocca di Papa.

                           Alba Longa

            Il sito della “città” leggendaria è stato finalmente identificato
            con certezza grazie agli 
studi sulla Via Sacra che sale al
            Santuario federale di Giove Laziale e alla scoperta del bosco
            
Sacro di questa divinità la cui delimitazione racchiude alla base
            il Monte Albano. Ed alle pendici del monte, lungo la sua dorsale
            le fonti antiche, nel III sec. a.C. immaginarono Alba Longa, nel
            luogo che per un millennio era stata considerata la mitica residenza
            degli antenati Albani e la reggia dei re latini.

                                                                    (Franco Arietti)

                                                               

 LA VIA SACRA
                                Lo studio delle varie fasi della strada ha rivelato aspetti di rilevante
                           interesse scientifico, tra cui l’identificazione del tracciato arcaico (VII sec.                
                           a.C. – III sec. a.C.) sottostante il lastricato. Il dato di eccezionale importanza
                           è costituito però dall’identificazione della Via Sacra vera e propria, che
                           prende l’avvio dalla soluzione del mistero legato all’interpretazione delle
                           famose lettere scolpite sui basoli – un unicum nella sterminata rete stradale
                           romana – per molto tempo rimasto insoluto nonostante gli sforzi di studiosi
                           di prim’ordine come T. Mommsen e G. Lugli (quest’ultimo ha messo in luce
                           ampi tratti di strada). La chiave di lettura è stata fornita sia dalla scoperta
                          di un complesso sistema di segnacoli (o cippi) – di cui nessuno finora aveva
                          notato l’esistenza – disseminati lungo le crepidini con lo scopo di segnalare
                          un numero considerevole di interventi di restauro del lastricato e
                          direttamente collegati alla presenza delle lettere in questione (non sempre
                          presenti), che da una serie di osservazioni riguardo al carattere strutturale
                          del lastricato stradale e alle varie fasi del tracciato.

IL MONS ALBANUS E LA DELIMITAZIONE SACRALE  
                            L’intero tracciato, lungo sei chilometri (inizia dalla Via Appia presso Ariccia)
                        era finora conosciuto comunemente con il nome generico – e per certi versi
                        inappropriato – di “Via Sacra”, oppure attraverso altre fantasiose definizioni
                        quali Via Trionfale, Via dei Consoli, Via del Nume, ecc. La netta e improvvisa
                        cesura strutturale dell’ultimo tratto di strada – lungo circa ottocento metri e
                         prossimo alla vetta – rispetto ai cinque chilometri precedenti, non lascia
                        dubbi sul fatto che la strada abbia assunto una connotazione radicalmente
                        diversa. Infatti, solo qui il lastricato appare sottoposto ad una serie di
                        scrupolosissimi interventi di indiscutibile carattere religioso, disciplinati
                        da severe norme giuridico – sacrali che evidenziano appieno la funzione
                        esclusivamente cerimoniale della strada, che solo da questo punto in poi
                        assume espressamente il carattere di Sacra via. Essa inizia appena superata
                        la spianata del Prato Fabio, esattamente a partire dal punto in cui la sede
                        stradale si restringe sensibilmente (dunque si procedeva solo a piedi),
                            laddove cominciano ad apparire i numerosi cippi accoppiati e disposti
                        su entrambi i lati della strada, associati alle molteplici serie di iscrizioni
                        sui basoli. Da qui iniziavano a salire i grandiosi cortei relativi ai trionfi          
                        minori, così come le solenni processioni annuali dei consoli e senatori,
                        oltre alle delegazioni ammesse ai riti in rappresentanza dei popoli del
                        Lazio che partecipavano alle ferie latine.
                        Tutto ciò evidenzia un aspetto fondamentale e introduce un’altra scoperta
                        eccezionale, forse la più importante e decisiva: dopo molti chilometri, la
                        strada diventa Sacra via nel momento stesso in cui entra nello spazio
                        consacrato
del bosco Sacro di Iuppiter Latiaris, la divinità più importante
                        dei Latini posta 
sulla vetta. Questo monte sacro viene sempre indicato
                        dalle fonti antiche 
come Albanus mons, mentre la Sacra via, nel
                        suo tratto iniziale, 
ne determina alle pendici la delimitazione sacrale.
                             In questa prospettiva, la stessa via lastricata poteva determinarne la
                        delimitazione, forse assieme al “portale” che prelude e immette alla
                        Sacra via, materialmente rappresentato dalla monumentale sostruzione
                        costruita nella prima età imperiale presso la via – dinanzi alla spianata
                        del Prato Fabio – legata probabilmente anche ad una serie di modifiche
                        del tracciato stradale originale.

IMONS ALBANUS E IL PRATO FABIO
                          La delimitazione sacrale separa nettamente due spazi: uno riservato agli dei,
                       l’altro agli uomini, rispettivamente rappresentati dal Monte Albano e
                       dall’area sottostante, costituita dalla spianata del Prato Fabio.
                       Qual era in antico il reale rapporto tra questi due spazi contigui? 
                       E’ plausibile attribuire alla spianata del Prato Fabio, esterna all’area 
                       sacra, un carattere residenziale, ma le ridotte dimensioni del pianoro (poco
                       più di un ettaro) e l’assenza di difese naturali particolarmente accentuate,
                       oppure artificiali – che si rendono necessarie ad oriente dove il pianoro si
                       raccorda con una piccola sella alle pendici del Monte Albano dove dovrebbe
                       comparire l’aggere, quest’ultimo sempre presente nel punto meno difeso
                       degli abitati laziali dell’età del ferro – non lo connotano affatto come abitato
                       protostorico tradizionale (anche se ovviamente non si possono escludere
                       frequentazioni più antiche).
                       E’ assai probabile invece che i due spazi in questione fossero complementari             
                       e collegati da un rapporto funzionale specifico, a prescindere da quanto si suppone
                       comunemente, ovvero che Monte Albano debba essere inteso come “il monte
                       di Alba
” (Pilinio il Vecchio)

                       Ciò non dimostra affatto che il Prato Fabio fosse inizialmente denominato Alba
                       dagli antichi, ma in questo caso, proprio per la prossimità all’area sacra, è
                       possibile che esso abbia assunto fin dai primordia un ruolo particolare,
                       che risulta chiaro e sufficientemente determinato solo nei momenti successivi.

LA MITICA “REGIA” ALBANA
                          E’ suggestivo ipotizzare che il culto comunitario delle nascenti aristocrazie
                       albane (VIII sec. a.C.) rivolto ad un antenato mitico comune e alle divinità
                       ctonie (sotterranee) venerate sul Monte Albano prima di Giove Laziale,
                       possa essere riferito ai due 
spazi contigui, assegnando un ruolo specifico
                       all’area “residenziale”, intesa 
come una sorta di primordiale “reggia” mitica.
                       Attribuzione che, invece, da questo momento in poi, sarà sempre più chiara
                       ed esplicita: nel corso dei secoli la regia albana verrà sistematicamente
                       associata al potere terreno di 
re e dinastie regali, a sua volta legittimato dal
                       potere degli dei venerati sul 
mons Albanus.

                       In questa dinamica, la complessa stratificazione formatasi nel tempo dei
                       miti albani, latini e infine romani, sembra comporsi e trovare un ordine
                       preciso, che possiamo riassumere schematicamente in quattro momenti.
                       Ad iniziare dagli Albani (VIII sec. a.C.), per poi proseguire con la serie di
                       racconti etruschizzanti di età arcaica come quello di Tarchezio “re di Alba”,
                       nella cui reggia appare un dio (VI sec. a.C.), fino a re Latino (VI – V sec. a.C.)           

                       divinizzato dopo la morte e successivamente venerato sull’adiacente mons
                       Albanus come Iuppiter latiaris; infine, il ciclo si conclude con la lunga dinastia
                       romana dei re Silvii (III sec. a.C.). In tal modo, la “reggia” albana documenta
                       il graduale passaggio del primitivo potere albano delle curie gentilizie a
                       quello romano – etrusco – albano (Tuscolano) legato al tentativo egemonico
                       dei Tarquini nel Lazio, a quello della lega latina ed infine a quello romano.
                       Anche lo stretto rapporto dei vari antenati e reges con le divinità del Monte
                       Albano si va delineando. Con la dovuta prudenza possiamo iniziare ad
                       elencarne alcuni, iniziando dagli Albani che veneravano divinità ctonie simili
                       a Dis pater e Liber pater collegate ai miti di fondazione e di integrazione delle       

                       numerose società gentilizie albane; successivamente, si può registrare il
                       tentativo egemonico dei Tarquini nel Lazio, accompagnato da racconti simili
                       a quello di Tarchezio (che inaugurano la saga dei gemelli fondatori – ancora
                       anonimi, fatti uccidere e gettati nel fiume albano – leggende scomparse in
                       seguito alla cacciata dei Tarquini, ma riprese probabilmente in età medio
                       repubblicana) che forse si accompagna a divinità affini a Veiove, il “Giove
                       giovane”, che prelude alla celebre divinità successiva, il re Latino, quello dei
                       primordia, figlio di Fauno già inteso come re dei Latini, che viene divinizzato e
                       venerato nello stesso luogo, in cima al mons Albanus, come Giove Laziale;
                       infine, è lo stesso Giove Laziale a legittimare il potere dinastico romano della
                       sottostante reggia di Alba Longa, trasformata nella mitica “metropoli”
                       fondatrice di tutte le città del Lazio.

LA LEGGENDA DI ALBA LONGA
                          In età augustea, trattando dell’ubicazione di Alba Longa, Tito Livio e
                      Dionisio di Alicarnasso forniscono due diverse descrizioni. Quella di
                      Livio non lascia dubbi interpretativi: Alba Longa viene posta “sub Albano
                      monte”. Egli non nomina nemmeno il lago perché non è necessario: alle
                      pendici del Monte Albano e al di là della via Sacra c’è solo il pianoro del Prato
                      Fabio.
                      Ora sappiamo che Livio non poteva ubicare Alba Longa attraverso semplici
                      considerazioni geografiche, ma era tenuto a considerare e rispettare rigorosamente
                      due delimitazioni sacre: quella alle pendici del Monte Albano e quella delle mura
                      (e pomerio?) di Alba Longa, città fondata da Ascanio figlio di Enea.
                      Dionisio, invece, non allude al mons Albanus perché il monte di cui parla non
                      fa parte del Monte Albano essendo posto all’esterno dell’area sacra e della sua

                      delimitazione. Si preoccupa invece di descrivere Alba Longa come una città
                      (Livio invece sorvola decisamente). Egli scrive: “Per tornare alla sua fondazione,
                      la città fu costruita nello spazio compreso tra un lago e un monte che fungevano
                      in un certo senso da mura e la rendevano difficile da espugnare”. Non sappiamo
                      se la sua descrizione abbia ricalcato quella degli storici che lo hanno preceduto, ma è
                      evidente che tutti dovevano rappresentare Alba Longa come una città per il
                      semplice fatto che i contemporanei non avrebbero compreso Alba Longa come
                      una città che non fosse stata fondata, in analogia con quanto era avvenuto normalmente
                      per città o colonie. Oltre tutto, Dionisio non stava parlando di una città qualsiasi,
                      ma della “Città madre di tutti i Latini”, distrutta settecento anni prima e della quale,
                      come egli stesso riferisce, ai suoi tempi non rimaneva e non si vedeva più nulla:
                      si sta trattando insomma della grande metropoli che aveva 
fondato tutte e trenta le
                      città del Lazio, opera immortalata da Livio con la celeberrima 
frase “omnes Latini
                      ab Alba oriundi”.

                      Per quanto riguarda il nome, Dionisio specifica che Alba viene chiamata Longa per
                      “distinguerla da un’altra città omonima”. Si tratta di Alba Fucens, fondata da Roma
                      nel 304 o 303 a.C.

Pompei. Affresco di M. Fabio Secondo. Napoli, Museo Archeologico Nazionale.

I FABI E IL PRATO FABIO
                          L’identificazione di Alba Longa con il Prato Fabio, ed il toponimo che in
                       apparenza consente il collegamento con la gens Fabia, una delle famiglie più                     
                       importanti e potenti di Roma, pone numerosi problemi interpretativi che non
                       possono essere trattati in questa sede. Inutile aggiungere che la soluzione
                       all’infinità di domande che ora si pongono è affidata soprattutto agli scavi futuri.
                       Per ora possiamo riprendere brevemente in considerazione solo il celebre affresco
                       rinvenuto a Pompei agli inizi del 1900 nel triclinio “R” della domus di M. Fabio
                       Secondo, già collegato al Prato Fabio in passato dallo studioso genzanese
                       F. Dionisi, il quale, anche se del tutto inascoltato, ha avuto il merito di aver

                       per primo collegato Alba Longa con il Prato Fabio.
                       La rappresentazione pittorica mostra quattro eventi in successione tra loro, due
                       dei quali (in alto) ambientati ad Alba Longa. Sullo sfondo appare il Monte Albano 
                       (visto da meridione per chi vi riconosce anche la scansione del Prato Fabio).

                       Dei numerosissimi episodi leggendari narrati attorno alla storia della mitica città,
                       l’affresco ne evidenzia decisamente solo uno, inteso come fatto principale: la
                       discesa 
di Marte dal cielo che sta per fecondare Rea Silvia.

                       L’affresco è stato giustamente inteso come celebrativo della gente Fabia, ed il
                       collegamento tra il Fabio pompeiano, Marte e la gente Fabia è assicurato dal ruolo
                       di quest’ultima nell’ambito di una delle più celebri feste di Roma, i Lupercalia,
                       alla quale partecipava direttamente attraverso i Luperci Fabiani; la festa era in onore
                       del dio Fauno nella sua accezione di Luperco, in origine identificato con il lupo
                       sacro a Marte.
                       Ma il collegamento alla gente Fabia che forse più si adatta al toponimo di Prato Fabio
                       è quello relativo allo storico Fabio Pittore, il quale per primo ha narrato e ricostruito
                       le vicende legate alle origini di Roma, nelle quali Alba Longa primeggia come la Città
                       madre di tutti i Latini.

                     

CONCLUSIONI
                      Si scopre così che alle due estremità, la Sacra via collegava il Santuario di Giove
                      Laziale ad Alba Longa, i due monumenti più insigni dell’antichità latina: il Santuario
                      federale dove risiedeva la divinità suprema dei Latini e Alba Longa, la (leggendaria)
                      “metropoli”, la prima città apparsa nel Latium vetus a cui la tradizione assegnava la
                      fondazione di tutte le altre città della regione, compresa Roma.  
La scoperta più
                      entusiasmante è però quella di Alba, infatti: “mentre Alba conserva tutte le più antiche
                      leggende – sia primordiali, che albane e latine – sedimentate durante un lunghissimo arco
                      di tempo e consolidate in una imponente stratificazione mitostorica, nel III sec. a.C.
                      Alba Longa conclude questo ciclo trasformando quel luogo mitico nella famosa
                      “metropoli delle origini”.
 
                      Attraverso argomentazioni esaurienti ed inoppugnabili, la critica storica moderna –

                      pressoché unanime – ha chiarito le varie fasi in cui sì è formato il mito di Alba Longa.
                      In campo archeologico, alle stesse conclusioni sono pervenuti gli studi di protostoria
                      laziale in seguito ai considerevoli progressi di questi ultimi decenni relativi agli scavi e
                      studi dei centri pre protostorici del Latium vetus. 
                      Nonostante questa netta posizione a livello scientifico, che esclude nel modo più assoluto
                      l’ipotesi che Alba Longa sia realmente esistita, numerosi studiosi di ogni tempo ed estrazione
                      (soprattutto appassionati), spinti dalla convinzione che Alba Longa fosse veramente esistita
                    
  – esattamente come venne descritta dalle fonti antiche – hanno creduto di averla identificata
                      in almeno quindici posti diversi.
                      E siccome le pendici del Monte Albano sono state erroneamente protratte sino al bordo del 
                      del Lago Albano (il monte è solo un’elevazione sul bordo del recinto craterico delle Faete),
                      Alba Longa è stata immaginata dapprima nell’area limitrofa, poi lungo il bordo del lago in luoghi
                      sempre più lontani dal Monte Albano, addirittura sulla sponda opposta (ad esempio a Castel
                      Gandolfo); infine, con  l’aumentare degli insuccessi, la “città” è stata collocata anche a molti
                      chilometri di distanza.

                      In questa dinamica, Alba, Alba Longa, i miti albani e gli dei del mons Albanus, una volta
                      separati, appaiono dispersi ovunque e relegati in un arcipelago concettuale totalmente
                      incomprensibile.

                      Ecco perché, dopo secoli di confusione, la chiave di lettura fornita dalla Sacra via fornisce
                      un aiuto inatteso e del tutto insperato, che ci consente addirittura di identificare e ricomporre,
                      con esattezza assoluta, uno spazio mitico coerente ed organico, altrimenti impossibile da
                      delimitare.

                      In altre parole, la Sacra via ha fornito finora l’unica, vera e tangibile testimonianza
                      archeologica 
sicuramente riconducibile al sito leggendario di Alba Longa, indicando
                      esattamente il luogo dove gli antichi 
l’avevano immaginata.

                                                                                                                 ***

 

Rocca di Papa – Il complesso del Mons Albanus e il sito della mitica Alba Longa visti dalla Fortezza Pontificia.

 

IL MONTE ALBANO – ALBA, la “Regia” e la stratificazione di dei e miti albani

 

                                                     Vista da Tuscolo

 

 

                                                      Vista da meridione 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                    

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top