UNIVERSITA' SCUOLA ISTITUZIONI

L’alveare amici del castagno

Progetto Scuola 2016 – Con gli alunni delle elementari a Valle dei Caprari 

Il sentiero che conduce a Valle dei Caprari è un po’ in salita. Mentre gli alunni delle due classi elementari procedono entusiasti e vocianti, guidati dalle maestre e dai guardiaparco, sono rimasto un po’ indietro, una ventina di metri: ho avuto la sensazione di un passaggio di testimone tra me, la mia generazione, e questa nuova (il ricordo di tanti giorni d’estate sotto il fresco degli alberi, quanta strada, a piedi o in bicicletta!).

I guardiaparco li sollecitano con domande: “conoscete questo fiore?”, “come si chiama quel monte”?

Valle dei Caprari è sorprendente: una spianata in mezzo a “I Monti”, una valle nel versante nord-est della cinta dei Campi d’Annibale.  Una vecchia baracca in disuso e un manufatto di legno, preso d’assalto dalla scolaresca ed è iniziata la ricreazione: da cartelle e zainetti sono spuntati panini e pizza. 

Poi Cinzia: “Sapete misurare l’altezza di un albero?”

Intervengo io: “Certo, basta misurare l’ombra e poi….”

“E se è nuvoloso?”

Sono rimasto a bocca aperta, che figura!

E Cinzia, Sandra, Daniele e gli altri mostrano ai bambini come si fa: misurano l’albero in prospettiva, con una matita; poi ribaltano la matita e la misura si può fare a terra, dal manufatto ad un alunno messo lì come riferimento. E tutti gli alunni provano, chi con successo, chi con qualche fatica.

Per arrivare alla valle dei Caprari, e per tornare a scuola, gli alunni e le maestre hanno potuto usufruire degli scuolabus, messi a disposizione dell’amministrazione Comunale: altro motivo di festa e di clamore.

Non meno coinvolgenti  i seminari in classe, non solo nozioni e proiezioni di fotografie di boschi e di alberi. Pietro, da Frascati, ha il piglio dell’insegnante, rigoroso, esigente; tiene la classe con autorevolezza.  Leandro, allenato con il figlio, sa come trattare i bambini! Giorgio è ormai conosciuto da alunni di tutte le età. Con Giorgio è arrivato in classe Piero Mancini, artista del legno e

amico dell’Alveare, che ha mostrato ai ragazzini, rapiti, concrete azioni di lavorazione, con la pialla…  Cinzia e i guardiaparco arrivano in aula con gli alberi: delle canne su cui sono disposte foglie di diverse piante e gli alunni sono esortati a riconoscere i castagni, le querce, gli aceri.

Sono state tante, quest’anno, le classi elementari che hanno partecipato alle passeggiate naturalistiche e ai seminari in aula, tutte le classi (escluse le prime) di tutti i plessi di Rocca di Papa:

  • Centro urbano;
  • Campi d’Annibale;
  • Colle delle Fate;
  • Suore d’Ivrea.

Per svolgere i seminari in aula, non essendo sufficienti i docenti amici dell’Alveare e quelli del Parco dei Castelli Romani, abbiamo chiesto soccorso alla Comunità Montana che ha risposto prontamente e concretamente impegnando gli agronomi dello Sportello Forestale.

Ed ecco i nomi dei docenti:

per conto dell’Alveare, Franco De AngelisGiorgio Grassi e Piero Mancini;

quelli del Parco, con Cinzia Barbante in testa, Emanuele De LellisMaria Francesca Pinci e Sandra Nardi;

per la Comunità Montana, Leandro DominicisGian Pietro Cantiani e Stefano Cupellini.

Franco Pagliuso

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top